>°< PEJA Producing: L’INSEGNAMENTO NELL’EPOCA DELLA COMUNICAZIONE, in Art a part of Cult(ure)_

    Presso lo spazio The Deep di Roma, il Roma, 21 novembre 2010, si è tenuto uno dei primi eventi di ArtApartEvents, braccio attivo di Art a part of Cult(ure). Una struttura nata per dare sfogo all’esigenza che sempre accompagna il critico militante, ossia quello di farsi anche curatore, di poter attivare e perseguire: l’ampliamento […]

Continua a leggere ">°< PEJA Producing: L’INSEGNAMENTO NELL’EPOCA DELLA COMUNICAZIONE, in Art a part of Cult(ure)_"

.:: L’evoluzione dell’architettura_

Il modello evolutivo darwiniano, può essere applicato allo sviluppo di forme e stili nell’architettura? Secondo Roberto De Rubertis sì, e questo suo Morfologie evolutive dell’architettura rappresenta un ottimo spunto di studio in tale direzione. Considerare i singoli morfemi di una architettura, o di un agglomerrato urbano, alla stregua di una genia sull’atto di preservarsi secondo […]

Continua a leggere ".:: L’evoluzione dell’architettura_"

.:: Miracoli, ma soprattutto traumi, della comunicazione_

  Che Perniola fosse un attentissimo osservatore della nostra epoca, era ormai chiaro. Ed era anche ormai chiara la sua avversità alla società della comunicazione. Dopotutto egli fu tra i primi ad interessarsi agli sviluppi de Il movimento che ha profetizzato la «Società dello spettacolo», come pure recita il sottotitolo della sua monografia sul tema, […]

Continua a leggere ".:: Miracoli, ma soprattutto traumi, della comunicazione_"

.:: Deriva vs Wilfing?

Mi è sempre apparso curioso constatare come, nonostante l’impressionante influenza che ha avuto sul pensiero architettonico a partire dagli anni ’50, sino al periodo contemporaneo, il movimento situazionista nel suo complesso riceva così poche attenzioni critiche, capaci di sviscerare nuovi significati, dal movimento che ha profetizzato la società dello spettacolo, tanto per citare Perniola. Cercando […]

Continua a leggere ".:: Deriva vs Wilfing?"

.:: Architettura senza teoria_

Gli architetti rinunciano a far parte di un’ideologia di manipolazione disciplinare della società perché prendono atto del fallimento delle ideologie, ma anche di un generale fallimento professionale: la realtà urbana, la realtà sociale, non segue le indicazioni disciplinari, le New Towns inglesi al pari delle città satelliti francesi, al pari di buona parte della pianificazione […]

Continua a leggere ".:: Architettura senza teoria_"

.** Identità Artificiale_

L’architetto, in quanto organico elemento della società, espressione di essa, ed in parte, suo privileggiato modellatore, in quanto ne plasma gli spazi ove questa si forma, ha il compito di dover far partire le proprie riflessioni spaziali proprio dall’idea di società che si va formando in lui. In questo senso, per il transarchitetto, è ancor […]

Continua a leggere ".** Identità Artificiale_"