>°< La fantascienza di Francesco Verso – Report PT.2

NOTA: Questo post è stato diviso in più parti per motivi di lunghezza. A questo link è possibile leggere la prima parte. A questo link è possibile leggere la terza parte. A questo link è possibile leggere la quarta parte. L’obiettivo di Douglas Trumbull è chiaro: tramite la sovrapposizione di elementi fortemente tecnologici a strutture dall’aspetto monumentale o fortemente […]

Continua a leggere ">°< La fantascienza di Francesco Verso – Report PT.2"

>°< PEJA Producing: Che cosa è una megastruttura, in Art a part of Cult(ure)_

Nel precedente post di questo blog ho avuto il piacere di introdurre un mio saggio elaborato per la rivista Bloom, diretta dal professor Alberto Cuomo. Il saggio prendeva in esame la possibilità di una lettura unitaria delle esperienze utopiche nel Novecento, sotto il trait-d’union della volontà formatrice dell’architettura: in poche parole, sarebbe stata possibile formare […]

Continua a leggere ">°< PEJA Producing: Che cosa è una megastruttura, in Art a part of Cult(ure)_"

>°< PEJA Producing: BLOOM 11, UNPLUGGED REALITY

Quale legame tiene assieme le esperienze social-utopiste dell’ottocento, il megastrutturalismo della seconda metà del 900 e l’uso urbano dei device per accedere alla rete? Probabilmente, in una chiave di lettura positivista, si potrebbe affermare che è la fiducia nello sviluppo tecnologico a fare da trait-d’union tra questi momenti della storia dell’architettura. Eppure vi è qualcosa […]

Continua a leggere ">°< PEJA Producing: BLOOM 11, UNPLUGGED REALITY"

.:: La Pietra situazionista_

Mi ha sempre incuriosito il rinato interesse verso le esperienze radicali che si è avuto negli ultimi anni. Interessante anche e soprattutto per la riemersione di complesse genealogie di rapporti, o di distanze, che mettono in evidenza il ruolo di personaggi che troppo spesso vengono ritenuti marginali, ma che ora stanno riacquistando una posizione meglio […]

Continua a leggere ".:: La Pietra situazionista_"

.:: RoboDesign_

La cinematografia d’animazione nipponica, ci ha abituato fin troppo bene alle speculazioni linguistiche di improbabili robot antropomorfi, antroidi, e protesi biomeccaniche varie, già a partire dal secondo dopoguerra, quando i brandelli rimasti dalle esplosioni atomiche mostravano chiaramente carne viva. La pretesa di voler avvicinarsi il più possibile ad una ipotesi realistica nel funzionamento delle macchine […]

Continua a leggere ".:: RoboDesign_"