.:: Addio LW_

L’11 agosto di quest’anno, Lebbeus Woods postava un secco intervento sul suo blog di poche righe:

Addio [una sorta di]

I giorni in cui postavo regolarmente sul mio blog sono finiti.

Ci sono diversi motivi per questo. Per prima cosa, la mia età ed a questa fase della mia vita, con problemi di salute ed altro, tempo ed energie sono limitati. Tra l’altro, ho cominciato a scrivere un nuovo libro, il ché assorbe tutto il tempo e l’energia che riesco a dedicare alla scrittura. Non si tratta di una raccolta di vecchi lavori, ma qualcosa di nuovo, dato che tratta il modo in cui la Seconda Guerra Mondiale ha dato forma all’architettura del tardo 20° secolo. Le idee sono fresche, e la scrittura è completamente nuova. Ah, non è un libro illustrato. Non ho mai fatto nulla di simile…

[…]

Devo dire che per me è stato un privilegio aver potuto comunicare con così tanti lettori brillanti ed energici. È stata un’esperienza unica, a cui ho sempre dato molta importanza.

Grazie per tutto quello che mi avete dato.

LW.

Rileggere queste righe a poche ore dalla sua morte ha un sapore amaro. Inutile girarci attorno oppure utilizzare formule di cordoglio: conoscendo per quel poco i suoi scritti, sono convinto che egli stesso avrebbe utilizzato quella parola così definitiva, guardandone ogni singola lettera, scrivendola e calcando la mano, se fosse stato necessario a ribadirla. Morte.
La lucidità con cui Lebbeus Woods cerca di rimanere aggrappato ai suoi progetti, alla sua vita, conscio che essa è ormai inevitabilmente compromessa dall’interno è l’ultima manifestazione della sua vitalità. La migliore che avrebbe mai potuto dare.
La notizia mi ha shockato più di quanto avrei mai potuto prevedere: il fatto di essere coinvolto nella pubblicazione in italiano di uno dei suoi più toccanti testi mi fa rendere partecipe all’evento più di quanto forse non dovrei.
Eppure, in questi mesi, mi sono sentito incredibilmente vicino a lui. Una vicinanza che ho condiviso con Alessia Rinaldi, Massimiliano Ercolani – che è il vero curatore del testo italiano -, Barbara Martusciello, Emidio Battipaglia, Luca Guido e molti altri. Addentrarmi nei suoi disegni, nei suoi testi, studiandone minuziosamente ogni sillaba, mi ha fatto conoscere non solo il teorico sperimentale, ma, credo, in parte anche l’uomo. In qualche strano modo, è forse per questo che la notizia ci ha colpito con così tanta violenza.

Soffermarsi sulla sua importanza e sul significato del suo lavoro sarebbe pleonastico.

Addio Lebbeus Woods.

Annunci

5 pensieri su “.:: Addio LW_

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...