Asian Lednev, creatore di mondi.

Non senza sorpresa, qualche giorno fa, il 31 maggio, Fabio Fornasari ha annunciato su Virtual Worlds Magazine il ritiro dall’attività artistica del proprio avatar, Asian Lednev, con il quale ha firmato una quantità considerevole di lavori, soprattutto considerando la natura di questi lavori. Fornasari, tramite Lednev, è infatti passato da interventi a scala paesaggistica, comprendenti addirittura intere isole, sino ad arrivare a perfomance o elaborazioni di oggetti dalla natura più concettuale. In questi 800 giorni ho sentito che il progetto di Asian aveva compiuto tutte le possibili rotte di SL, rotte che contengono strategie di costruzione di spazi di relazione tra avatar. Dal progetto di una semplice forma al progetto di conservazione di una land. 800 giorni per girare attorno il mondo virtuale di Second Life, dieci volte tanto l’impegno dell’aristocratico Phileas Fogg per girare attorno il mondo reale. 800 giorni che scadono pressapoco il 6 giugno 2009, data in cui Asian Lednev delega a Fornasari la missione di farsi emissario della propria opera. L’occasione è Ars in Ara, quando Fornasari ha l’occasione di presentare il suo progetto Fun to Rez (dallo slang di Second Life, to rez, mettere in mostra): una valigetta nel quale contenere il minimo indispensabile per costruire un mondo virtuale in miniatura. Asian Lednev sembra così suggerire che tutte le mie opere più importanti possono stare in una piccola valigia, come dichiarò Marcel Duchamp, che nel 1941 realizza la sua serie di 24 Scatole in una valigia. Ognuna di esse raccoglie 68 riproduzioni in miniatura delle sue opere più significative degli anni precedenti il 1935. Una Scatola in una valigia che viene realizzata durante la seconda guerra mondiale e che racchiude, oltre agli oggetti che di cui rende possibile il trasporto, anche il senso di un nuovo nomadismo. Un oggetto che è evidentemente allo stesso tempo una necessità dell’emigrante e un museo itinerante che raccoglie l’opera dell’artista. Un nomadismo che si manifesta con ancora più veemenza nella nostra epoca, in cui non si viaggia solo da un continente all’altro, ma anche da un mondo all’altro. La necessità di avere sempre con se i propri confort, creano l’esigenza di trasportare addirittuda delle piccole isole, che così saltano così fuori dalla valigetta e prendono forma su una scrivania o su un altro piano qualsiasi, estemporanea Land su cui modellare ed applicare texture e shape che più ci piacciono.

Dopo un anno di missione dell’emissario Fornasari e dopo quasi 1200 giorni di attività del suo mandante, Asian Lednev festeggia il proprio ritiro dal mondo dell’architettura virtuale. Come lo stesso Fornasari dice nel suo articolo, È il tempo della storicizzazione di SL, della messa in ordine di quanto è accaduto al suo interno. Un bravo giocatore sa quando è meglio ritirarsi, ed è inutile continuare a giocare se gli stimoli sono ormai esauriti, solo per testimoniare l’esistenza di energie ormai dissipate. Ma rimane ancora il tempo per un’ultima mano, per un ultimo lavoro. Un lavoro necessario al fine di comprendere l’esperienza nella sua interezza, fare tesoro di ciò che si è fatto e di ciò che si è imparato facendo. Decostructing Asian Lednev è un modo per tornare alle origini del rapporto tra un corpo ed il proprio avatar, procedendo tramite una notomia dello stesso. Un’analisi critica e particolareggiata dell’intera attività di un avatar, trasfigurato in una colonna sospesa a mezz’aria, chiusa tra due setti traslucidi che ne amplificano le sfumature cromatiche e lo isolano dal contesto della land in cui è collocato. Di questo ipotetico ordine virtuale, i rocchi cominciano a ruotare, indipendentemente l’uno dall’altro, e l’immagine del suo creatore si frammenta, perde la propria unità, ma al contempo acquista una trasparenza prima insospettabile.

Ogni parte dell’identità dell’avatar diviene così leggibile per ciò che é, nutrendosi addirittura di ulteriori significati aggiunti: ognuno di noi è molto più della somma delle nostre parti, così come esse non sono semplicemente le unità del nostro spirito. Nell’unione di elementi, emozioni e ricordi che rappresentiamo, qualcosa viene sempre perso, così come qualcosa viene sempre aggiunto. Solo decostruendo noi stessi, in maniera simile a come si potrebbe fare con un opera letteraria, possiamo capire quanto è grande lo scarto creato. Dopotutto, ogni persona, avatar o uomo che sia, è un’opera collettiva, nata dall’interazione di migliaia di stimoli filtrati dai nostri sensi ogni istante. Un’opera collettiva che è anche al centro di uno dei lavori maggiormente rappresentativi della poetica di Asian Lednev, la Tore d Asian, romanzo collettivo curato dallo stesso Lednev e da Lorenza Colicigno, alias Azzurra Collas, il cui rez ci riavvicina fortemente a Decostructing Asian Lednev: una torre alta indefinitivamente, sulla cui pelle si depositano i segni dell’esperienza di chi, in una maniera o nell’altra, a voluto dare il proprio contributo all’erigersi della torre.

Annunci

10 pensieri su “Asian Lednev, creatore di mondi.

  1. Ero li la sera che la Torre di Asian fu presentata nel ferrigno spazio di PostUtopia. Non conoscevo Asian se non di fama. Quel che rese subito affascinante la Torre e diversa da ogni altro metaversico manufatto, fu il fatto che non fosse costruita per essere scalata ma per essere discesa in un lento amniotico fluire la Torre si faceva attraversare docile. Da quella prima sera molte sono state le sue declinazioni in e out world.
    Parteciperò anche alla sua ultima apparizione e decostruendola la renderemo ancora più viva.

    Mi piace

    1. Cara Susy,
      felice di rievocare in te tanti ricordi! Anzi, ti ringrazio per il tuo commento evocativo: quel “manufatto” di cui parli hai visto che è comparso alla fine? :) E comunque io ho il mio pezzetto qui con me, che conserverò gelosamente all’interno della mia copia! :)
      Un abbraccio!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...