.:: Brad Pitt Architects

Paul Engelmann, discepolo di Loos, fu incaricato nel 1932 da Margaret Stonborough, sorella di Ludwig Wittgenstein, di procedere con la progettazione e la succesiva realizzazione della propria abitazione. Wittgenstein in quel periodo stava passando un periodo di forte depressione, nata da un susseguirsi di delusioni ed insuccessi, e girava voce che stesse meditando un suicidio. Margaret così per tenere occupato il fratello, sfruttando il suo forte interesse per l’architettura (aveva infatti già costruito una baita dove si era ritirato a vivere per un pò, e realizzato diversi mobili per amici viennesi) e la sua simpatia per Loos, incontrato circa quindici anni prima, decise di coninvolgerlo nella realizzazione. D’altronde Ludwig conosceva bene Engelmann, ed intrattenevano un rapporto di amicizia già al tempo della guerra. Ma come in ogni azione buona e giusta, successe l’imprevedibile. Wittgenstein si impadronisce letteralmente del processo progettuale, scanzando Engelmann, e, nonostante in realtà modificò di pochissimo l’impianto pensato dal primo progettista, proseguì i lavori con precisione maniacale. Famoso l’aneddoto in cui alla domanda di un fabbro che chiedeva se anche il millimetro fosse imporante, il filosofo viennese rispose con impazienza: anche il mezzo millimetro è fondamentale. L’esasperazione di tale inutile pedissegua precisione portò lo stesso a far demolire un intero solaio per farlo realizzare 3 cm più in alto.
Che anche i nuovi grandi neofiti dell’architettura si comportino con così tanta ingenua lungimiranza?

Che l’architettura sia uno tra gli hobby di Brad Pitt era certamente noto ai fan, ma che stesse procedendo addirittura con delle realizzazioni, con collaborazioni importanti come quelle di Thom Mayne, leader dei Morphosis, lo era forse un po’ meno. Addirittura nel più aggiornato dei modi, abbracciando una corrente di tendenza come quella della bioarchitettura. E, se non fosse ancora abbastanza, sfruttando la sua fama, e la logica di diffusione delle informazioni del web, è riuscito ad attivare un progetto quanto mai lodevole, sia per impegno sociale che per concretezza di mezzi. Il progetto in questione è il MakeItRight Project, atto ad un tentativo di soluzione per una questione drammatica: la devastazione della città di New Orleans. MakeItRight Project ha infatti l’obiettivo di ricostruire interamente quello che era il quartiere residenziale di Lower Ninth Ward, tra i più devastati dall’uragano Katrina. Tra gli architetti coinvolti, tanto per usare un’espressione tra le più banali usate dalla media dei critici, tra le più grandi firme dello star system architettonico: Adjaye Associates, Billes Architecture, BNIM Architects, Constructs, Eskew & Dumez & Ripple, MVRDV, Pugh and Scarpa Architecture, Shigeru Ban Architects e Trahan Architects. Pare che si voglia creare un qualcosa di estremamente eterogeneo. Ma, nonostante le ottime intenzioni, i 5 milioni di dollari donati dallo stesso Brad Pitt, lo stimolo offerto ad architetti che altrimenti sarebbero come al solito alla prese con progetti milionari, la volontà “to have a mixture of voices” , le voci contro fanno trasparire le prime crepe sulla credibilità del progetto.

Le critiche girano tutte attorno alla domanda: “Che senso ha, in un progetto in cui il carattere speculativo dovrebbe passare in secondo piano, inserire un cast tanto blasonato nel copione?”. I più malfidati potrebbero sostenere che probabilmente è l’ennesima occasione di avviare un processo di marketing territoriale, o sponsorizzazione privata di qualche tipo, dato che ai fini più pratici non era strettamente necessario mirare così in alto. Straordinario il fatto che siano proprio alcuni autori di Gibellina Nuova muovano critiche simili. Il pregiudizio di un professionista che vede nell’intrusione a casa propria di un estraneo porta però i detrattori di MakeItRight Project a non studiare così attentamente cosa si sta realmente tentando di fare.
Prima di tutto, non viene mai citato il fatto che il progetto è basato su donazione libera di privati, donazione a cui partecipano le ditte costruttrici, mantenendo margini di guadagno molto basso. Secondo poi, le case costruite saranno vendute esclusivamente ai proprietari dei terreni delle case distrutte. Tenendo fermo questo, le critiche a Pitt cadono nel vuoto, soprattutto considerando che i detrattori non tengono conto che l’alternativa è la realizzazione di bunkeropoli come quella post terremoto di Assisi. Nonostante l’ingenuità pianificatoria, nonostante la difficoltà che minano la riuscita del progetto, MakeItRight Project  vuole condurre ad una soluzione tanto semplice quanto inaspettata, tipica del sentire americano: un quartiere nel quale viene evitata ogni metafisica della morte, una allegra, se vogliamo esser severi “nichilista”, volontà di riscatto da parte della vita, data dalla diversità dei progetti e dal loro cozzare l’uno con l’altro. Niente di utopico insomma, solo un pragmatico sogno messo al servizio della comunità. Per una critica più approfondita non ci resta che aspettare la realizzazione del quartiere. Ma soprattutto i commenti degli abitanti.

17 pensieri su “.:: Brad Pitt Architects

  1. Cara Romins, non sono molto daccordo con te… Nessuno può fare ciò che vuole se mette in mezzo il “destino” della gente… In questo caso il tutto sembra una buona cosa, ed addirittura sta procedendo, quindi sotto c’è pure una buona organizzazione! Quindi ben vengano cose del genere! :)

    Mi piace

  2. Brad Pitt… non era lo sciupafemmine??? ora che fà? l’architetto???

    comunque sia quando si muovono le star di Hollywood, e quando si arriva a chiamare in causa le archistar per iniziative del genere, mi riesce difficile pensare che qualcuno non ci speculi sù…

    forse prima, forse dopo, forse indirettamente… secondo me….

    ;)

    Mi piace

  3. @ archema:
    Ma è sicuro! Prima, durante, dopo… Nonostante le buone intenzione, anche se solo indirettamente per immagine, un guadagno c’è… Tra l’altro, se da un lato sensibilizza la gente sul tema dell’architettura, dall’altro lo banalizza…

    Mi piace

  4. …e come non potrebbero specularci su!!!
    si sono più d’accordo sul fatto che in realtà si banalizzi l’architettura, e che addirittura si metta su un processo (in verità già in atto…e con i suoi attori) di “pop-izzazione” dell’architettura!
    cmq il fattore positivo dell’iniziativa rimane…come resta il fatto che un intero ricostruito da grandi firme non può che sensibilizzare l’opinione pubblica verso le qualità dell’abitare architettonico!

    Mi piace

  5. @ Dade: decisamente daccordo con te! Purtroppo il progetto nell’insieme ha subito molte critiche, per lo più sciocche… E’ un peccato che si cerchi di mettere i bastoni tra le ruote alla gente in maniera così gratuita…

    Mi piace

  6. Mi sembra un segno dei tempi: ogni star o VIP di una certa “importanza” deve necessariamente essere anche impegnato in qualche progetto politically correct o che comunque arrechi visibilità alla sua immagine (e magari riesca pure a soddisfare qualche passione nascosta). Oramai i personal manager quasi lo impongono.

    Ma anche nel passato, di tanto in tanto, qualche papa o monarca si intrometteva nelle opere che commissionava…fino a risalire a Nerone che volle rifare Roma!

    Mi piace

  7. @ Oculus:
    Bhè, è proprio così! Infatti Brad Pitt, oltre alle varie unioni con questa o quella associazione, sta anche partecipando alla progettazione di un megalbergosuperlussocinquestelle con uno studio di architettura tedesco che sta effettivamente progettando la cosa. Intanto Brad fa il progetto e si fa il nome nel mondo degli architetti… Poi certo: per fare grandi cambiamenti ci vogliono poteri forti! Vedo questa operazione in modo molto positivo! Ce ne fossero!

    Mi piace

  8. L’iniziativa mi pare lodevole.
    Sull’architettura e “urbatettura”, o sulla sua reale “ecocompatibilità” (termine che mi mette subito sul “chi va la?”) non mi pronuncio, si vede abbastanza poco.
    Comunque, certe critiche mi paiono di prammatica: spesso è l’invidia che le muove. Tutto come previsto dal programma. :-)

    Mi piace

  9. @ Biz:
    In effetti anche a me: di solito l’ecocompatibilità di un edificio viene resa solo “nominalmente” (ossia dire, “il mio edificio è ecocompatibilissimo” per farlo diventare eco compatibile)… ad ogni modo è vero che era prevedibile l’attirarsi attorno a se di queste critiche, però è anche vero che deleggittimare questo tipo di attività è molto infantile: guardiamo per esempio ciò che è successo a Bagnoli o a Ravello… Ormai sono storia!

    Mi piace

  10. Non proprio in tema col post, però l’altro giorno vedendo su una rivista la seguente foto ho riflettuto su alcune cose che avevamo detto qui.

    Ecco il link all’immagine:
    http://px3.fr/winner/zoom.php?eid=4224-08&uid=3226326&count=1

    E’ una delle foto vincitrici di un concorso fotografico. La foto appartiene alla serie “TWO MILLION HOMES FOR MEXICO” di Livia Corona e che costituisce un viaggio nelle nuove soluzioni architettoniche delle affollate periferie messicane.

    Un commento alla foto mi ha colpito “Adaption becomes a mechanism for survival”…

    Mi piace

  11. @ Oculus:
    Bhè, la mia paura è che New Orleans diventi proprio una cosa del genere: migliaia di minuscole casette tutte diverse ma tutte uguali, sparpagliate per tutto il territorio della città… Spaventoso!
    PS: Bellissime le foto, grazie della segnalazione!

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...